Arte Contemporanea permanente: Parco Sculture Chianti

Arte Contemporanea permanente: Parco Sculture Chianti

Nascosto nella splendida Toscana, nella località La Fornace Strada Provinciale 9 48/49 a Pievasciata a Vagliali, Siena, c’è un luogo incantato. Immerso nella vegetazione, in un bosco, ritroviamo molte sculture che sono la massima espressione del pensiero e della visione artistica umana.

Il contesto ne fa una tappa da visitare sia in estate che in inverno. Adatta alle famiglie con bambini, per giovanissimi e adulti. Parliamo di un’avventura nella creatività, nella mente di tanti scultori e artisti che hanno contribuito a creare questo luogo fuori dalla realtà.

Durante il cambio delle stagioni, il Parco delle Scultura Del Chianti, cambia i suoi colori e le atmosfere, anche questo è un effetto voluto da parte degli artisti. In autunno le tonalità ramate e il rosso della vegetazione, ci fanno apprezzare molto alcune tipologie di opere d’arte. In inverno, i toni freddi e cupi, regalano pensieri profondi. Mentre in primavera l’esplosione del risveglio della natura, crea energie che ci legano a questo territorio. Per terminare con l’estate, in cui si hanno colori vivi e tanta gioia nel cuore.

Museo a cielo aperto

L’innovazione del Parco delle Scultura Del Chianti, che segue la scia della creazione del Parco dei Mostri a Viterbo, è che si tratta di un “museo a cielo aperto”. Un bosco di oltre 7 ettari, collocata nella parte Nord di Siena. Ci si inoltra in un viale non asfaltato, bianco per trovarci a contatto con le opere in site-specific, cioè studiate e realizzate per essere posizionate in un contesto territoriale specifico.

Praticamente queste sculture non si ritrovano da nessun’altra parte perché solo in questo bosco hanno un senso considerando che sono studiate per il Parco delle Scultura Del Chianti.

Gli artisti contattati per esporre le opere in modo permanente, arrivano da oltre 26 Nazioni. La storia poi è molto bella.

La “leggenda” del Parco delle Scultura Del Chianti è che venne concesso agli artisti di realizzare delle creazioni usando marmo e granito. A disposizione poi c’era la natura e tutto quello che gli offriva, come la luce del Sole, cambiamenti dei toni della vegetazione, suoni e intemperie climatiche.

In pochi accettarono la sfida, che è stata ardua, ma coloro che si sono sentiti ispirati, magari che hanno avuto l’idea sussurrata al loro orecchio dal bosco del Parco delle Scultura Del Chianti, hanno realizzato realmente qualcosa di impossibile.

Ideale per i bambini, un posto magico

Questa località di arte contemporanea è un luogo perfetto per i bambini. Ci sono 2 aree pic-nic e si è a stretto contatto con la natura. Tra le particolarità vediamo che si può interagire direttamente con le opere, quindi giocarci in modo diretto.

Tra le sculture che sono considerate le più “impressionanti”, ritroviamo:

-          L’anfiteatro, terminato nel 2009 dove si sfruttano i dislivelli naturali dei terreni per creare un’opera che è grandissima e dove ci si può anche sedere

-          La pietra sospesa, creata con l’uso di rocce delle cave di Rapolano a Siena

-          Il pensatore, curato nei dettagli con una splendida espressione sul viso

-          Fede e illusione, questa è una scultura molto particolare, quasi misteriosa, inverosimile

C’è ne sono tante altre ed è per questo che consigliamo di prendersi una giornata per visitare interamente il Parco delle Scultura Del Chianti. I bambini rimarranno affascinati, si divertiranno e potranno diventare creativi. Per gli adulti si ha un luogo magico dove provare la sinergia e collegarsi con l’energia della natura diventando parte unica dell’Universo.